Nuovi bandi per la valorizzazione dei titoli di proprietà industriale e trasferimento tecnologico

In data 03.12.2019, il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato cinque bandi per la valorizzazione dei titoli di proprietà industriale e per il trasferimento tecnologico per cui sono stanziate risorse finanziarie per complessivi 50 milioni di euro.

Le misure, previste nel “Decreto Crescita”, erano state anticipate dal Decreto di programmazione pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale in data 31 ottobre 2019.

Il Bandi si rivolgono a :

  • PMI1 con il fine di promuovere la tutela della proprietà intellettuale , in particolare di invenzioni industriali, marchi e disegni;

  • Università ed enti pubblici di ricerca, con la finalità di agevolare il trasferimento dei risultati delle attività di R&S in ambito industriale.

Non è agevole per noi individuare le piccole medie imprese e differenziarle da quelle, ad esempio, appartenenti ad un gruppo. Quindi stiamo circolarizzando le presenti informazioni a tutti i clienti indipendentemente da ogni valutazione. Se voi non foste una PMI o se foste una PMI appartenente ad un gruppo di imprese potrete tranquillamente cestinare la presente informativa.

Più precisamente si tratta dei seguenti incentivi rivolti alle Pmi:

  • Bando Brevetti+, finalizzato alla valorizzazione dei brevetti, con risorse destinate pari a 21,8 milioni di euro, gestito da Invitalia;

  • Bando Marchi+3, finalizzato alla valorizzazione dei brevetti, con risorse destinate pari a 3,5 milioni di euro, gestito da Unioncamere;

  • Bando Disegni+4, finalizzato alla valorizzazione dei disegni e modelli industriali, con risorse destinate pari a 13 milioni di euro, gestito da Unioncamere.

Le misure rivolte alle Università e agli enti pubblici di ricerca sono le seguenti:

  • Bando Utt, progetti di potenziamento degli Uffici di trasferimento tecnologico, a cui sono destinate risorse per 7 milioni di euro oltre a 555 mila euro

  • Bando Poc, Progetti Proof of Concept (PoC) destinati alla valorizzazione dei brevetti, a cui sono destinate risorse per 5,3 milioni di euro, gestiti da Invitalia.

In allegato le schede riassuntive per ogni bando destinato alle PMI.

Qualora foste interessati vogliate prendere contatto con l’avv. Rossella Masetti che seguirà questo tipo di procedure all’indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

1 La definizione di micro, piccola e media impresa (PMI) è stata fornita dall’UE con la Raccomandazione n. 2003/361/CE, recepita dall’Italia con il Decreto Ministeriale 18 aprile 2005.

La Raccomandazione n. 2003/361/CE definisce come impresa ogni entità a prescindere dalla forma giuridica rivestita, che eserciti un’attività economica. Rientrano quindi nella categoria delle imprese le entità che esercitano un’attività artigianale o altre attività a titolo individuale o familiare, le società di persone o le associazioni che esercitino un’attività economica. Accanto alla definizione generale vi è poi quella specifica che riguarda le PMI. Secondo le regole UE, recepite in Italia con il DM del 18 aprile 2015, si considerano micro, piccole e medie le imprese che: “occupano meno di 250 persone, il cui fatturato annuo non supera i 50 milioni di EUR oppure il cui totale di bilancio annuo non supera i 43 milioni di EUR.

 

Bando MISE per la concessione di agevolazioni per favorire la registrazione di marchi comunitari e internazionali – MARCHI + 3 – RIAPERTURA DEI TERMINI

Il Ministero dello Sviluppo economico con decreto in data 3 dicembre 2019 ha rifinanziato il bando Marchi+3, il programma di agevolazioni che sostiene la registrazione di marchi dell'Unione europea ed internazionali da parte di micro, piccole e medie imprese.

Oggetto dell’agevolazione

Il bando è finalizzato ad incentivare la registrazione di marchi a livello comunitario ed internazionale. Tale bando si articola su due misure: Misure A e Misura B.

Misura A – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO attraverso l’acquisto di servizi specialistici:

- deposito domanda di registrazione presso EUIPO di un marchio e pagamento delle tasse di deposito.

Misura B – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI attraverso l’acquisto di servizi specialistici:

- deposito domanda di registrazione presso OMPI di un marchio registrato o per il quale è stata depositata una domanda di registrazione a livello nazionale presso UIBM o di un marchio dell’Unione Europea registrato presso EUIPO e pagamento delle tasse di deposito;

- deposito domanda di designazione successiva di un marchio registrato presso OMPI e pagamento delle tasse di deposito.

Spese ammissibili

progettazione del nuovo marchio (ideazione elemento verbale e progettazione elemento grafico);

assistenza per il deposito;

ricerche di anteriorità;

assistenza legale per azioni di tutela del marchio in caso di opposizione/rifiuto/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione;

tasse deposito presso UIBM, EUIPO/OMPI

Ai fini dell'ammissibilità tutte le spese (Misura A e Misura B) devono essere sostenute in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione e comunque dopo il 1° giugno 2016.

Entità dell’agevolazione

L’agevolazione, concessa con procedura valutativa a sportello è a fondo perduto fino all’80% (90% per i marchi internazionali con designazione di USA o CINA) delle spese ammissibili sostenute e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia di servizio.

Le aziende possono presentare più domande di registrazione marchi e il contributo non potrà superare l'importo di 20.000,00 Euro per ogni impresa.

Il presente bando si applica con le limitazioni previste dalla disciplina comunitaria nel regolamento UE n. 1407 del 18 dicembre 2013 relativo al de minimis.

Nuove risorse disponibili: euro 3.516.745,92

Presentazione domande

Le nuove risorse disponibili permetteranno anzitutto di riaprire l'istruttoria per le domande di agevolazione già presentate ma non valutate per mancanza di copertura finanziaria.

Inoltre, il MISE ha annunciato la riapertura dei termini anche per nuovi potenziali beneficiari: il form online per la presentazione delle domande sarà disponibile a partire dalle ore 9,00 de 30 marzo 2020.

 

Bando MISE per la concessione di agevolazioni alle imprese per la valorizzazione dei disegni e modelli

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato in data 3 dicembre 2019 un nuovo bando per le PMI, aventi sede legale e operativa nel territorio nazionale, finalizzato a supportare la valorizzazione di disegni e modelli attraverso agevolazioni concesse nella forma di contributo in conto capitale.

Requisiti di ammissibilità:

  • Impresa micro, piccola o media;

  • essere titolare di un disegno o modello registrato a decorrere dal 1° gennaio 2018 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda registrato presso qualsiasi ufficio nazionale o regionale di proprietà intellettuale .

  • Non si applica alle imprese escluse dagli aiuti “de minimis “.

Oggetto dell'agevolazione.

Oggetto dell'agevolazione è la realizzazione di un progetto finalizzato alla valorizzazione di un disegno/modello.

Il progetto deve essere concluso entro 9 mesi dalla notifica della concessione della agevolazione.

Spese ammissibili.

L'impresa può chiedere l'agevolazione per le spese sostenute per l'acquisto di servizi specialistici esterni ad esso funzionali.

Tra le attività ritenute finanziabili sono comprese:

FASE 1 :spese per l'acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la messa in produzione e l’offerta sul mercato di nuovi prodotti ad esso correlati

(Ricerca sull’utilizzo dei nuovi materiali; realizzazione di prototipi e stampi: consulenza tecnica per la catena produttiva finalizzata alla messa in produzione del prodotto/disegno; consulenza specializzata nell'approccio al mercato strettamente connessa al disegno/modello).

FASE 2 :spese per l'acquisizione di servizi specialistici nella fase di “commercializzazione”

( consulenza specializzata nella valutazione tecnico-economica del disegno/modello; consulenza legale per la stesura di accordi di del titolo di proprietà industriale; consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione).

L'importo massimo dell'agevolazione, per la Fase 1, è di euro 65.000,00.

L'importo massimo dell'agevolazione, per la Fase 2, è di euro 10.000,00.

Entità dell’agevolazione

Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto capitale in misura massima pari all’80% delle spese ammissibili e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna fase e per ciascuna tipologia di spesa.

Per accedere alle agevolazioni è possibile prevedere, per lo stesso disegno/modello registrato, una sola Fase o entrambe.

Risorse disponibili: 13 milioni di euro.

Presentazione domande

Le domande possono essere presentate a partire dalla ore 9:00 del 27 febbraio 2020 fino all'esaurimento delle risorse disponibili.

Risorse disponibili: 13 milioni di euro.

 

Bando MISE per la concessione di agevolazioni alle imprese per la valorizzazione di brevetti – brevetti +

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato in data 3 dicembre 2019 un nuovo bando per le PMI, aventi sede legale e operativa nel territorio nazionale, finalizzato a supportare la valorizzazione di brevetti attraverso agevolazioni concesse nella forma di contributo in conto capitale.

Requisiti di ammissibilità:

  • Impresa micro, piccola o media;

  • essere titolari o licenziatari di un brevetto per invenzione concesso in Italia successivamente al 1° gennaio 2017 o

  • essere titolari di una domanda nazionale di brevetto per invenzione industriale depositata successivamente al 1 gennaio 2016 con rapporto di ricerca con esito “non negativo”; o

  • essere titolari di una domanda di brevetto europeo o di una domanda internazionale di brevetto depositata successivamente al 1° gennaio 2016 con un rapporto di ricerca con esito “non negativo” che rivendichi la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto; o

  • Essere in possesso di un’opzione o di un accordo preliminare che abbia per oggetto l’acquisto di un brevetto o l’acquisizione in licenza di un brevetto per invenzione industriale rilasciato in Italia successivamente al 1 gennaio 2017 ;o

  • imprese neo-costituite in forma di società di capitali, a seguito di operazione di Spin-off universitari/accademici, per le quali sussistano, al momento della presentazione della domanda, le seguenti condizioni: i. partecipazione al capitale da parte dell’università o dell’ente di ricerca, in misura non inferiore al 10%; ii. titolarità di un brevetto per invenzione industriale o di un accordo preliminare di acquisto o di acquisizione in licenza d’uso di brevetto per invenzione industriale, purché concesso successivamente al 1 gennaio 2017 e trasferito dall’università o ente di ricerca socio; iii. l’Università o l’ente di ricerca sia ricompreso nell’elenco degli enti vigilati dal MIUR.

  • Non si applica alle imprese escluse dagli aiuti “de minimis “.

OggettOggetto dell'agevolazione.

Oggetto dell'agevolazione è la realizzazione di un progetto finalizzato alla valorizzazione di un brevetto in termini di redditività, produttività e sviluppo di mercato

Spese ammissibili.

Il contributo è finalizzato all’acquisto di servizi specialistici, funzionali alla valorizzazione economica del brevetto, sia all’interno del ciclo produttivo.

Sono ammissibili i costi dei seguenti servizi –

a. Industrializzazione e ingegnerizzazione1

b. Organizzazione e sviluppo2

c. Trasferimento tecnologico3

Entità dell’agevolazione

E’previstalaconcessionediun’agevolazione incontocapitale,nelrispettodellaregola del de minimis, del valore massimodi € 140.000. Tale agevolazione non può essere superiore all’ 80% dei costi ammissibili. Il suddetto limite è elevato al 100% per le imprese beneficiarie costituite a seguito di operazione di Spin-off universitari/accademici

Risorse disponibili: 21,8 milioni di euro.

Presentazione domande

Le domande possono essere presentate a partire dalla ore 12:00 del 30 gennaio 2020 fino all'esaurimento delle risorse disponibili.

1 In particolare:

i. studio di fattibilità

ii. progettazione produttiva,

iii. studio, progettazione ed ingegnerizzazione del prototipo;

iv. realizzazione firmware per macchine controllo numerico;

v. progettazione e realizzazione software solo se relativo al procedimento oggetto della domanda di brevetto o del brevetto;

vi. test di produzione;

vii. produzione pre-serie (solo se funzionale ai test per il rilascio delle certificazioni);

viii. rilascio certificazioni di prodotto o di processo.

2 In particolare:

i. servizi di IT Governance;

ii. studi ed analisi per lo sviluppo di nuovi mercati geografici e settoriali;

iii. servizi per la progettazione organizzativa;

iv. organizzazione dei processi produttivi;

v. definizione della strategia di comunicazione, promozione e canali distributivi.

3In particolare:

i.Proof of concept

ii. due diligence;

iii. predisposizione accordi di segretezza;

iv. predisposizione accordi di concessione in licenza del brevetto;

v. costi dei contratti di collaborazione tra PMI e istituti di ricerca/università

vi. contributo all’acquisto del brevetto (solo per gli Spin Off e le start up innovative iscritte nel registro speciale al momento della presentazione della domanda di accesso);

Giambrocono & C. S.p.A.

Fondata nel 1921, da oltre novant'anni ci occupiamo di Marchi, Brevetti, Design, Diritti d'Autore, riassegnazione nomi a dominio e consulenze tecniche di parte.
Operiamo con oltre 70 collaboratori in tre uffici e possiamo considerarci uno dei maggiori studi di consulenza italiani in Proprietà Industriale.
Grazie ad una rete di corrispondenti ben collaudati siamo in grado di operare in qualsiasi paese del mondo.

Connet With Us   

Sede Principale

Indirizzo: via Rosolino Pilo 19/B - 20129 Milano
Tel: (+39) 02 29404751
Fax: (+39) 02 29404531
Website:  www.giambrocono.com
Email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Privacy e Cookies

Giambrocono & C. S.p.A.
Sede Legale: Via Rosolino Pilo, 19/b - 20129 Milano
Partita IVA 01698140157
Cod. Destinatario (Codice ODA): SUBM70N
Capitale sociale 1.000.000 euro i.v.
Codice Fiscale e numero iscrizione CCIAA-MI 01698140157 REA MI 872506

POLIZZA DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE
Polizza assicurativa #109H5277 Zurich Insurance €3.600.000

PRIVACY POLICY

COOKIES POLICY

Questo sito utilizza cookie.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più vai alla sezione Cookies Policy facendo click sul pulsante "DETTAGLI"